Informativa sull'uso dei cookie

Search

Pensieri ceramici

La vita delle forme

Modelliamo le forme, ma le forme a loro volta ci modellano. Con la loro silhouette precisa, ferma, geometrica, oppure accennata, mossa, irregolare, con l’espressione della bocca, lo spessore delle pareti, i volumi, il colore!: esse modellano chi le guarda. Come un lampo accendono il nostro campo di attenzione lasciando un’impressione. Ma quel segno momentaneo che è l’impressione non è semplicemente la traccia del dito che scorre su un piano. E' una piccola esplosione che si allarga all’interno di noi in ogni direzione. Mette radici, si accomoda, lavora. Sia nel...

Rocce e conchiglie

Rocce, coralli, conchiglie si sono via via frantumati nel tempo immobile di milioni di anni, fino a diventare granelli di diametro non superiore ai 2 millimetri. Diciamo “sabbia”, ma è solo un concetto della mente sbrigativa che opera per semplificazioni. Nella sabbia variano i colori, la composizione minerale, la granulometria. Con la sabbia si fanno il vetro, i castelli, i disegni che durano il tempo di una risacca. Nella sabbia vengono deposte le uova della tartaruga marina, si fanno accomodare i pezzi che in cottura rischiano deformazioni. Ecco, dacché...

Efficienza

Capisci che il senso è nel fare quando la mente non incalza per contrarre il processo di lavorazione (fare di più in meno tempo). Si procede passo passo, una cosa alla volta. Ogni tappa è un incontro che non si può saltare. L’efficienza arriva con la presenza: corpo e mente non vogliono essere altrove, sono lì dove sono, nulla manca. Sono piuttosto la frettolosità e la distrazione a sviare il processo dal suo corso naturale allungando i tempi. [foto Fondazione Feltrinelli, Milano]...

Impressioni

Muretti e marciapiedi dopo la pioggia. Bagnata, la superficie, che ha liberato ossidi, inglobato muschi, prende vita. E subito scatta il pensiero di uno smalto, una patina, un oggetto per quella patina. A volte a scatenare la fantasia di una forma è proprio l’impressione ricevuta in un istante, sotto l’azione di quella luce, a contatto con un certo odore nell’aria che accende la memoria. Una reazione biochimica di cui siamo solo spettatori....